Il Falsomagro in rete


Foursquare e Gowalla: il social con il GPS

Il Tagliaerbe è sempre avanti un passo nel panorama web italiano. Quasi un mese fa ha parlato di Foursquare e Gowalla, invitandomi a provare questi due nuovi social network, basati sulla posizione geografica. Manco a farlo apposta qualche giorno fa il creatore di Foursquare si è guadagnato la copertina di Wired UK, come social golden boy del momento. Io personalmente sto utilizzando i due servizi da un po’ di tempo e come il Taglia ne intravedo interessanti opportunità. Si tratta di servizi molto mobile, basandosi sulla posizione geografica dell’utente e l’esperienza da cellulare è fondamentale.

foursquare-gowalla.jpg

In pratica ovunque si va si può fare il check-in vedendo quali altri utenti si trovano nello stesso luogo oppure facendo sapere a tutti tramite Twitter e Facebook dove ci si trova, invitando gli amici a raggiungerci. Più check-in si fanno (o in generale più azioni si fanno) più punti si accumulano e più distintivi si guadagnano. L’idea dei distintivi è molto interessante e crea quella giusta tensione da competizione, portando gli utenti ad utilizzare molto il servizio, per emergere dall’anonimato della massa.

Su BlackBerry Foursquare è più intuitivo e soprattutto più veloce e snello, facile da usare. Gowalla al contrario è macchinoso e lento, a un abisso di distanza dalla versione che ho visto girare sull’iPad del Taglia, dove invece dava il meglio di sé. E voi li avete provati? Su che piattaforma? Quali badge avete guadagnato? I miei li potete vedere qui.

Prova a leggere anche: