Il Falsomagro in rete


Empire Avenue – Il social network azionario

Come sempre è stato il Taglia a istigarmi: ‘Prova un po’ questo nuovo social network, le mie fonti dicono che sarà il prossimo a fare il botto‘. Fidandomi ciecamente dei giudizi del Tagliaerbe in ambito web mi sono iscritto ad Empire Avenue con grande curiosità. Sulle prime non ho assolutamente capito di cosa si trattasse, e questo non è un buon segnale, un social che non ti cattura, o almeno ti solletica, nei primi minuti di utilizzo potrebbe non avere le carte in regola per decollare.

Il mio primo periodo su Empire Avenue è stato poco partecipato, mi è rimasto per lungo tempo oscuro da una parte il meccanismo, dall’altra l’utilità di questa piattaforma social. Un giorno mi sono però preso la briga di approfondire un po’ la cosa, per capire meglio l’arcano.

Si tratta di un aggregatore di social network più che di un SN a sé stante: in pratica dopo essersi registrati e aver attivato un profilo, si collegano gli account social (Facebook, Twitter, Google+, Youtube, Linkedin, Foursquare, i propri blog). Da quel momento in poi Empire Avenue ci monitora e ci dà, anche grazie all’intervento degli altri utenti che possono interagire con noi, ad esempio dandoci dei pollici all’insù, il suo voto giornaliero e, proprio come accade in borsa, ci assegna un indice. Questo indice cresce o scende a seconda della nostra attività su Empire Avenue, sui nostri social e a seconda degli investimenti che riceviamo: ebbene sì, la peculiarità di questo social network è che non si aggiungono amici, ma si ‘investe’ sugli altri utenti.

La moneta di scambio sono le ‘Eaves‘: una parte ci sono affidate come portafoglio iniziale, ma le altre le guadagniamo con il nostro titolo, coi dividendi delle azioni altrui che abbiamo acquistato, coi i ricavi dagli acquisti di nostre azioni da parte degli utenti e dall’eventuale vendita di azioni. Inoltre anche alcuni traguardi (come un certo numero di amici o post su Facebook) vengono remunerati con Eaves.

Il concetto di base è interessante: dal mio punto di vista mi ha a utilizzare di più i miei social network, a visitare e conoscere nuovi profili Twitter, a conoscere nuovi blog e siti. Ho ricominciato anche a usare Foursquare, che ormai aveva perso buona parte del mio interesse. Il concetto di aggiungere persone sconosciute, ma ‘trendy’ (nel senso che il loro titolo ha un trend positivo) è un meccanismo interessante, inoltre è molto sviluppato il concetto di community su Empire Avenue: ad esempio ho trovato una comunità di fotografi molto vivace e scoperto nuovi fotografi da seguire.

Prova a leggere anche: